Quali sono i comuni più Social?

I social network ormai fanno parte della nostra quotidianità. Quasi tutti noi abbiamo almeno un account social per aggiornare i follower con le nostre ultime attività, tenerci in contatto diretto con amici e parenti, ma anche solo per curiosare nella vita degli altri, in particolare dei cosiddetti influencer.

Quale luogo migliore quindi per i comuni e le pubbliche amministrazioni per attivare un dialogo senza barriere con i propri cittadini?

Facebook, Twitter e Instagram sono solo alcuni dei potenziali canali di comunicazione, e la scelta “del social più adatto” ricade sulla capacità di gestione delle piattaforme, dalla tipologia di contenuti che si vuole diffondere, e dal tipo di pubblico che si vuole intercettare.

Certo è che il pubblico non manca: secondo recenti dati sono 34 milioni gli italiani attivi sui social media nel 2018.

Per questa ragione per un comune è importante avere una presenza online vicina ai cittadini, andando quindi oltre al semplice sito web e indirizzo email.

Essere attivi sui social significa usare gli stessi canali utilizzati dalla maggioranza dei cittadini.

Dall’altra parte c’è anche una richiesta che va presa in considerazione e colta come occasione per creare valore. Abbiamo infatti chiesto tramite la nostra pagina FB di Comuni-chiamo se un comune dovrebbe avere un canale FB oppure no. Seppur il nostro sondaggio ha carattere ludico e di certo non ha pretese di essere esaustivo o rappresentativo di tutta la popolazione italiana, la risposta è stata piuttosto chiara:

 

comuni più social

 

I comuni più social del 2018

 

Ma torniamo alla domanda di partenza: quali sono i comuni capoluogo che si sono aggiudicati il titolo di Comuni più social del 2018?

Secondo il rapporto ICityrate del 2018, condotto da FPA, le città più social per numero di canali attivi sono Reggio Emilia, Bologna e Ferrara.

È il caso di dire complimenti all’Emilia Romagna!

Questa classifica, che l’anno precedente vedeva Torino in testa al podio, fa riferimento alla quantità di canali social attivi, non prende quindi in considerazione la qualità della gestione della pagina, dei contenuti e della capacità di interagire con i cittadini.

Non se ne risentano quindi i comuni che hanno un solo canale attivo ma che stanno lavorando alacremente : )

 

I comuni con più fan e follower

 

Prendendo in considerazione invece il numero di fan e follower, quelli che nel settore vengono chiamati “vanity number”, Roma, Milano e Torino sono i comuni più seguiti.

Ma andando più in dettaglio, e quindi iniziando a estrapolare dati indicatori di qualità, i comuni che hanno più séguito in relazione al numero degli abitanti sono Firenze, con un ottimo 24,6% della popolazione che segue il comune su Twitter, Verbania con il 41,5% di cittadini-fan su FB, Crotone con il 36,9% e Pesaro con il 34,5% della popolazione sempre su FB.

La tendenza dei comuni che scelgono di usare i social è in aumento. Sempre secondo la ricerca condotta da FPA, società del gruppo Digital360, nel 2018 sono 99 i comuni di provincia che hanno almeno un account social, mentre nel 2017 erano i comuni erano 94. Sono invece 8 quelli che ancora non hanno una presenza social.

I social più usati

 

Naturalmente i social network più usati dai comuni sono anche quelli che sono maggiormente frequentati dai cittadini, ovvero Facebook, Twitter e Instagram. Ci sono anche comuni che sull’onda del successo dei video online stanno sperimentando anche Youtube, come Napoli, Cesena e Monza.

Facebook è il social con più presenze di comuni capoluogo, sono infatti 82 le pagine Fan. I tre colossi di FB sono Roma con +400.000 like, Milano +150.000 like, e Torino +120.000 like.

Il secondo social con più account è Twitter, un canale molto più di nicchia e molto più difficile da gestire rispetto a FB. Twitter è un social di microblogging, e per natura i contenuti devono essere sempre freschi, quasi in diretta, e con un aggiornamento costante e frequente.

È spesso il canale privilegiato per comunicare con politici e giornalisti.

Su Twitter sono 79 le città con l’account, ma veramente poche hanno un’attività costante: ci sono infatti account che hanno pubblicato 6600 tweet nell’ultimo anno, come Venezia, e altre che hanno pubblicato pochissimo, circa 5 tweet a settimana.

Chi conosce Twitter lo sa: avere un account ma non twittare con frequenza è come essere invisibili.

In relazione al numero di Follower, sono sempre Roma, Milano e Torino al podio come gli account di comuni con più seguaci.

Ma come abbiamo detto sin da subito, la qualità vince sempre sulla quantità. L’importante infatti non è esserci, bensì usare i social come strumento di avvicinamento e dialogo con la propria cittadinanza.

E la questione della qualità, ovvero come usare i social per comunicare con i propri cittadini, la affronteremo ampiamente nelle prossime settimane.

 

[Fonti: Italia digitale 2018 – Icitylab]