I Miti Da Sfatare Per I Comuni Che Vogliono Innovare: #3 Cambiare Ha Solo Costi, Non Benefici

Quante volte abbiamo rinunciato a nuovi percorsi, professionali e non, per paura delle conseguenze mentre vedevamo l’amico, il collega, il parente o il conoscente abbracciare senza remore una nuova avventura ed essere più contento, sereno e soddisfatto della propria vita?

Dinamica identica si presenta nelle Pubbliche Amministrazioni.

Quando proponiamo Comuni-Chiamo ai Comuni, chi deve decidere se sceglierlo è talvolta sommerso da dubbi, perché tende a sovrastimare le ricadute negative che l’adozione di un nuovo strumento e di nuovo modo di lavorare potrebbe portare in Comune.

Le paure più frequenti sono:

  • un’invasione incontrollabile di segnalazioni impossibile da gestire
  • operatori comunali impreparati a cambiare il proprio modo di lavorare
  • infrastrutture tecnologiche inadeguate
  • quindi, un ritorno negativo sull’immagine dell’Amministrazione

Se invece di concentrarsi sui timori, ci si focalizzasse su risultati veri, quelli ottenuti dai Comuni che hanno già adottato Comuni-Chiamo si scoprirebbe quello che, al contrario, il cambiamento porta realmente:

  • numero di segnalazioni in arrivo in linea con quello passato
  • ma risparmio del 40% di tempo nel processo di gestione delle segnalazioni
  • “nuovo” tempo a disposizione per smaltire arretrati
  • centralizzazione di tutte le segnalazioni e maggiore organizzazione
  • unico spazio in cui comunicare e collaborare con i colleghi

 

Tutti Gli Altri Miti

  • Mito #1: innovare costa troppo
  • Mito #2: le persone non vogliono nuovi strumenti