I Miti Da Sfatare Per I Comuni Che Vogliono Innovare: #1 Costa Troppo

Il Comune non può sostenere anche questa spesa.

Quante volte ce lo siamo sentiti dire, così tante che non le contiamo più.

È vero, i Comuni hanno bilanci risicati, ogni anno sempre di più, e per scegliere dove spendere soldi pubblici ci vuole un mix di esperienza e coraggio.

Il problema però è proprio qui.

Troppo spesso i Comuni scelgono guardando solo i costi, senza valutare l’impatto in termini di risparmi, efficienza e miglior qualità che una soluzione può apportare. Magari i risparmi sono anche maggiori dei costi ma, se non vengono valutati, è come se non esistessero. E così si finisce con lo scegliere la soluzione più economica, rinunciando ai maggiori benefici che altre scelte avrebbero comportato. Valutare un investimento non è mai semplice, ma è una competenza necessaria in una organizzazione, e che può essere supportata. Ad esempio nel nostro caso siamo soliti invitare i Comuni che valutano Comuni-Chiamo a contattare i Comuni che ci hanno già scelto e che utilizzano le nostre soluzioni. Non c’è modo migliore per far percepire loro gli impatti positivi sui processi interni di lavoro, sull’ottimizzazione delle attività di un ufficio e di quelle delle singole persone.

Perché, anche se spesso si rischia di dimenticarlo, rendere più efficiente il lavoro delle persone è uno dei modi migliori di ottimizzare le risorse: rimuovere le attività inutili e snellire lo svolgersi di quelle utili permette alla persona di avere più tempo da dedicare ad attività che prima non potevano essere fatte, o che venivano affidate all’esterno. E, aspetto non meno importante, si aumenta anche la soddisfazione della persona verso il proprio lavoro (a nessuno piace fare qualcosa che non serve a nulla).

Ed ecco che i nostri Comuni arrivano a risparmiare fino al 40% del tempo dedicato alla gestione delle segnalazioni. Come? Rimuovendo passaggi e controlli non necessari, semplificando le attività di chi ci lavora, diffondendo le informazioni giuste al momento giusto. Questi e tanti altri piccoli miglioramenti che, sommati, fanno la differenza.

E così chi lavora in Comune può gestire più segnalazioni e dedicare più cura alle singole pratiche, e i cittadini riceveranno aggiornamenti e risposte in tempi più brevi. Il tutto senza stravolgere nulla, ma semplicemente snellendo il processo di gestione e fornendo un software pensato per ridurre al minimo il lavoro delle persone.

Stesso costo economico (se non minore), stesso tempo a disposizione, più lavoro svolto.

Davvero innovare costa troppo?